/
Segni
/

La nostalgia e la bellezza del tempo che passa

La nostalgia e la bellezza del tempo che passa
Categorie:

La nostalgia come un momento profondo che sfoglia, rilegge il passato e lo rende nuovamente vivo. Così dovremmo approcciarci a questo stato d’animo, senza caricarlo di sfaccettature negative e immaginare che il passato che ritorna sia soltanto un incubo o qualcosa a cui sfuggire. La nostalgia è qualcosa di diverso, è un gradino più in alto: in essa c’è amore per la vita, ma soprattutto per quello che è stato. C’è amore per i ricordi, per i luoghi della nostra infanzia, per i volti, gli oggetti ed i profumi che hanno accompagnato la nostra esistenza. È un richiamo al passato che si carica di bellezza. O almeno dovrebbe esserlo.

La nostalgia e la depressione come stati d’animo diversi

Nella nostalgia il tempo che passa, e che è passato, viene visto come una risorsa, come un qualcosa da raccontare e tramandare. Momenti a cui aggrapparsi ed in cui ritrovare bellezza, serenità . La depressione invece non coglie questo spunto, ma anzi vede il passato come un ostacolo alla vita nel presente e alle aspirazioni del futuro. Un passato che ritorna e cancella tutto. Un blocco quasi totale in cui la mente non riesce a liberarsi: la vita è finita, la speranza non la si riesce ad intravedere, il futuro non ci sarà. Le porte della vita quindi sono definitivamente chiuse ed il tempo passato sembra portarsi via tutto.

Ed invece dobbiamo, tutti, imparare a convivere con il tempo che passa e con il nostro passato. Custodirlo come un gioiello prezioso, accudirlo e prendersene cura. Perché racconta quello che siamo, da dove veniamo ma soprattutto chi siamo. Il passato è una patina che ricopre i nostri ricordi ma attraverso la nostalgia questo strato superficiale viene messo da parte e si costruisce un senso della realtà nuovo, diverso. Attingere a piene mani dai nostri ricordi, riproporli ed utilizzarli persino come guida. Perché la nostalgia è un sentimento positivo, in fondo, e permette di farci mantenere un contatto con quello che è stato.

Tags:
, , ,

Condividi sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedente Successivo

Iscriviti alla nostra newsletter