/
Recensioni
/

Il segno del ‘900. Da Cézanne a Picasso, da Kandinskij a Fontana

Il segno del ‘900. Da Cézanne a Picasso, da Kandinskij a Fontana
Categorie:

Artisti, ma soprattutto opere che hanno lasciato il segno. Che hanno in qualche modo caratterizzato un periodo storico ed un secolo. La mostra “Il segno del ‘900. Da Cézanne a Picasso, da Kandinskij a Fontana” ripercorre la scena artistica europea dalla fine dell’Ottocento fino al secondo dopoguerra dando risalto alla stampa d’arte. Non solo semplici “fogli”, come intenderebbero definirli i puristi, ma vere proprie opere d’arte che mettono al centro il segno, i colori e l’incisione.

 “Il segno del ‘900. Da Cézanne a Picasso, da Kandinskij a Fontana”: la mostra

L’incisione, ancora oggi, viene vista come un’arte dal peso specifico minore e viene considerata inferiore rispetto alla pittura e alla scultura. Con la mostra “Il segno del ‘900. Da Cézanne a Picasso, da Kandinskij a Fontana” gli organizzatori cercano di raccontare la visione di alcuni degli artisti più influenti del periodo. Per loro infatti la stampa è stata non solo un mezzo espressivo fondamentale ma anche un metodo per sperimentare tecniche e stili innovativi che influiranno poi tutta l’arte contemporanea e ne delimiteranno un percorso diverso.

Un viaggio dunque tra visioni, emozioni e sensibilità diverse. Nella prima sala della mostra, dedicata all’Ottocento, si resta stupiti davanti alle opere di Toulouse-Lautrec e Cézanne, per poi proseguire con lo sguardo sul secolo dei movimenti d’avanguardia e dei suoi interpreti più importanti: Picasso, Matisse, Kandisnskij, Mirò e molti altri ancora. L’ultima sala invece è dedicata alla genialità enigmatica di Lucio Fontana. Una chiusura in grande stile per una mostra che riempie, lascia un segno in tutti i visitatori ma anche degli spunti riguardo allo stato attuale dell’arte e al suo futuro prossimo.

La mostra è ospitata all’interno del Museo MUST di Vimercate fino all’11 Marzo 2018. Gli orari per le visite sono: mercoledì e giovedì dalle 10 alle 13, mentre venerdì, sabato e domenica dalle ore 10 alle 13 e dalle 15 alle 19.

Tags:
, , ,

Condividi sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedente

Iscriviti alla nostra newsletter